La Tana della Tartaruga

L’aria si gonfia come una bolla troppo densa, le cime degli alberi danzano scosse da una musica sorda, mentre il vento porta con sé l’odore della tempesta. È in questi momenti che le tartarughe si rifugiano nella loro comoda tana, con una bella tisana calda, contemplando quello che si sono portate dietro durante il cammino. Un cammino di cotte verso personaggi non esistenti, libri che mi hanno tenuta sveglia la notte e incazzature verso serie tv che non si reggono in piedi. Potete nascondervi tra la folla, negare il vostro vero io, nascondere i libri di Licia Troisi sotto il letto, ma sarà tutto inutile. A casa vostra, quando vi specchierete, saprete bene chi vi sta davanti. Quindi correte pure nella tempesta, stolti, tanto so benissimo che ognuna di noi la sua cotta per Eric di Rossana l’ha passata, che nel silenzio di camera nostra ogni tanto qualche incantesimo l’abbiamo provato a fare…ma soprattutto non stavo scherzando: lo so che pure voi tenete i libri di Licia Troisi nascosti, ma al sicuro.

Venite, non siate timidi! Sarete sempre i benvenuti nel mio Guscio della Tartaruga o tra le mensole delle mie librerie per un Bookshelf Tour!

Lascia un commento